Loader Image
  • Contattaci: +39 349-2226026
  • info@noccioloservice.com
Seguici su

Realizzazione nuovi impianti noccioleti, “chiavi in mano”.

Forniamo manodopera e ditte specializzate per le lavorazioni del terreno, tracciatura, preparazione delle buche e messa a dimora delle piante.

L’impianto di un nuovo noccioleto è un’operazione alla quale occorre prestare particolare attenzione in quanto, in questa fase, si compiono scelte che potrebbero condizionare l’intero ciclo produttivo ed economico del nostro futuro noccioleto. La scarsa produttività di alcuni noccioleti, è la diretta conseguenza di lavori d’impianto mal eseguiti o realizzati in modo approssimativo, senza un’adeguata conoscenza e preparazione tecnica.

Per realizzare un nuovo noccioleto, il terreno deve essere preparato in piena estate (luglio – agosto), quando è asciutto, mediante uno scasso profondo ( aratura o rippatura profonda del terreno).

A seconda delle caratteristiche del terreno, deve essere realizzato uno scasso di almeno di 50/60 cm fino ad max di 80/90. In caso sia presente un impianto d’irrigazione nel noccioleto, le operazioni d’impianto possono anche essere fatte in primavera. Fatto lo scasso, si procede alle lavorazioni superficiali del terreno con erpici a dischi o altro, per renderlo fine. Così preparato il terreno è pronto per l’impianto del nuovo noccioleto.

Dopo aver terminato la preparazione del terreno, si procede alla tracciatura dell’impianto in relazione al sesto scelto (distanza delle piante fra le file e distanza sulla fila).

Effettuata la tracciatura si preparano le buche fatte a mano con badile (pala) con un diametro di 40- 50 cm e una profondità di 35- 40 cm o con apposite trivelle meccaniche o con mini escavatori. Normalmente sono posizionate delle canne a lato di ogni singola piantina, che hanno la funzione sia di sostegno, sia di segnalazione.

È necessario l’inserimento di alcuni impollinatori, al fine di migliorare l’impollinazione e quindi la capacità produttiva del noccioleto.

Complice la meccanizzazione di molte pratiche colturali, ad esempio la potatura e la raccolta meccanica, si è stati obbligati ad aumentare le distanze fra le file. Si consigliano quindi sesti d’impianto con distanza tra le file di m. 6,00-5,5- 5,00 e di m. 4,50-4,00-3,50 sulla fila.

13_Impianti
02_Impianti
09_Impianti
11_Impianti
05_Impianti
08_Impianti
10_Impianti
12_Impianti

NOCCIOLETI UNICA COLTURA A CONTRIBUTO SUL PSR

Il noccioleto è l’unica coltivazione legnosa agraria finanziabile dalla misura 4.1.1 e 4.1.2 del PSR 2014/2020.
Copertino_Annuncio

NOCCIOLO SERVICE
SPECIALE IMPIANTO NOCCIOLETO

La pianta del nocciolo ha un caratteristico portamento a cespuglio, con l’apparato radicale molto esteso e con una profondità che varia a seconda delle caratteristiche del terreno. Sulla stessa pianta sono presenti sia fiori maschili, detti amenti, produttori di polline, sia fiori femminili riconoscibili dal caratteristico “ciuffo” rosso.

Copertina_Sito_Locandia_Linnee_Tecniche2017

IL NOCCIOLO IN PIEMONTE.
LINEE TECNICHE 2017

Un manuale operativo che si basa sull’importante lavoro che Agrion, Fondazione per la ricerca, l’innovazione e lo sviluppo tecnologico dell’agricoltura Piemontese, ha sviluppato in questo primo anno di attività nel tentativo di perfezionare un percorso di ricerca applicata.